INVENTIVA BLOG risorse e novità

menu x

Tecnologia a scuola: 8 trucchi per ottimizzare le lezioni degli alunni

La tecnologia a scuola, come in ogni altro settore è in piena crescita. La didattica con lavagna e gessetti o il classico quaderno a quadri non è del tutto scomparsa, ma l’ascesa tecnologica in tutti gli ambiti della vita non ha in alcun modo escluso l’istruzione.

La tecnologia nell’istruzione è una tendenza rilevante da non sottovalutare, dalle lavagne interattive nelle aule e l’apprendimento virtuale fino alle app e ai dispositivi educativi, la tecnologia è indubbiamente una presenza importante in classe. Insegnanti ed educatori, in primo luogo, sono coinvolti da tutta questa modernità e gli studenti sono entusiasti di un’esperienza nuova che, solo pochi anni fa, non potevamo nemmeno immaginare.

Indipendentemente dal nostro articolo, ci sono molte risorse sull’aumento dell’apprendimento online, in questa pagina esamineremo alcuni punti chiave;  insegnanti ed educatori possono utilizzare la tecnologia nell’istruzione e offrire valore ai vostri studenti ottimizzando tempo e fatica a voi stessi. Qui di seguito le aree affrontate in questo articolo:

 

  1. Verificare l’originalità del contenuto: controllo del plagio
  2. Integrare la realtà virtuale e aumentata
  3. Dare le forme alle idee con la stampante
  4. Archiviazione cloud
  5. App per l’apprendimento delle lingue
  6. La tua classe sui social media o sulle piattaforme di messaggi
  7. Presentazioni su lavagne interattive
  8. Creazione di aule moderne e adatte alla collaborazione

 

1- Verificare l’originalità del contenuto: controllo del plagio

Nello stratagemma della didattica a distanza, il plagio è diventato un grosso problema. Da sempre, verificare i contenuti originali, sia per gli insegnanti ma soprattutto per i docenti universitari è stato sinonimo di grande concentrazione, ancor di più oggi con l’avvento della didattica non controllata. Fortunatamente la tecnologia ha fornito strumenti per semplificare il lavoro. Studenti ed educatori si affidano a strumenti come Grammarly per aiutarli a produrre lavori originali, ben scritti e di buona provenienza. Delle vere e proprie applicazioni web per ottimizzare tempo e ottenere risultati migliori con il controllo antiplagio. Che tu sia uno studente che scrive un saggio o un insegnante che valuta i documenti, una scansione anti plagio non solo ti farà risparmiare tempo, ma ti aiuterà anche a evitare errori di scrittura.  Esistono tante soluzioni online alcune di queste a pagamento e altre gratuite, ne citiamo alcune fra le più usate:

Turnitin

Un’applicazione che collabora con educatori globali per condividere pratiche didattiche intelligenti e creative.

Grammarly

Offre funzionalità di controllo grammaticale di qualità e un controllo del plagio.

Unicheck

Un layout chiaro per coloro che desiderano che il loro testo sia perfettamente autentico.

Noplagio

Un applicazione in lingua italiana antiplagio in cui gli utenti possono ottenere punteggi di plagio gratuitamente e in pochi secondi. Anche per un documento di cento pagine.

Plagiarism detector

Correttore di plagio gratuito al momento fino a 1000 parole.  Tutto ciò che devi fare è copiare e incollare il contenuto.

 

2 – Integrare la realtà virtuale e aumentata.

Il coinvolgimento è alla base della conservazione dell’apprendimento, per tale motivo la “Didattica Aumentata” inizia a dar vita a corsi ricchi di contenuti interattivi. Con la didattica aumentata,  la lezione frontale con libro viene valorizzata dal ramo multimediale. Una lezione in “didattica aumentata” potrebbe iniziare con la lettura di un capitolo del libro da parte dello studente e arricchirsi tramite l’interazione con video, ricerche multimediali, audio, immagini.

Anche in quest’area l’evoluzione tecnologia si sta facendo strada verso una nuova direzione: la realtà virtuale ed aumentata.

La realtà virtuale può essere utilizzata per fornire agli studenti un’esperienza completamente coinvolgente, essa è la rappresentazione interattiva di un mondo reale o immaginario in cui l’utente ha l’impressione di esserne parte.  Per la visualizzazione di contenuti nella realtà virtuale ci si serve di appositi visori. Immaginiamo per esempio di percorrere la foresta pluviale amazzonica mediante una passeggiata virtuale.

Mentre realtà aumentata significa sfruttare i display dei dispositivi per arricchirsi di informazioni aggiuntive sovrapposte a ciò che vediamo, esempio frecce, indicazioni, testi o modelli tridimensionali in sovrapposizione ad un contesto reale.

Su Esplorazioni di Google troverete centinaia di esperienze virtuale aumentate per tutte le aree tematiche e per tutte le età.

 

3 –  Dare forma alle idee con la stampante 3D

Le stampanti 3D sono adoperati ormai in molti settori. Rispetto a prima, hanno un costo più accessibile e in commercio ne esistono svariati modelli per ogni esigenza. La stampante tridimensionale consente agli insegnanti e a tutti gli educatori di dare vita a idee e progetti creando esperienze di apprendimento memorabili. Ideale per organizzare un lavoro di squadra in classe attraverso le fasi singole fasi: dalla progettazione al raggiungimento di un modello fisico a volte difficile da spiegare a parole o mediante la lettura di libro. Utilizzabile in materie come arte e scienza ma che con con un pizzico di fantasia adattabile a tutte le altre materie. Con la stampante 3D in classe c’è da divertirsi!

 

4- Archiviazione cloud

Fino ad ora si è discusso di tecnologia come: coinvolgimento e tecnica di insegnamento. In questo paragrafo parleremo di archiviazione e condivisione dei documenti, un servizio tecnologico denominato Cloude storage. Dalla scuola a casa e da collega a collega, il servizio cloud permette l’archiviazione e la condivisione di file. Il cloud è stato una manna dal cielo nella recente pandemia e nella conseguente attività scolastica a casa. Archiviare su cloud significa che docenti o alunni possono creare dei file e conservarli in una memoria che risiede su uno spazio remoto. Si può accedere a questi documenti mediante vari dispositivi come computer o smartphone. Libri o compiti non hanno più la necessità di essere stampati o salvati nell’archivio del proprio computer ma resi semplicemente condivisibili su un archivio cloud.  Con le soluzioni cloud si può lavorare da un dispositivo, come un computer di casa, e accedere da un altro computer impiantato a scuola. Sono disponibili cloud gratuiti o servizi a pagamento con una capacità di memoria più ampia. Google Drive e Onedrive di Microsoft sono fra i più popolari.

 

5 – App per l’apprendimento delle lingue

L’uso delle App agevola molti settori e continuerà a beneficiare molti campi se adoperate con moderazione e buon senso. Alcune app sono comunemente viste come un aiuto al coinvolgimento e alla comprensione delle materie soprattutto le più interattive ed equipaggiate di intelligenza artificiale. Particolarmente utile nell’apprendimento delle lingue è Duolingo, con molte soluzioni per l’apprendimento della grammatica, della struttura delle frasi, nonché del vocabolario.

 

6 – La tua classe sui social o sulle piattaforme di video conferenze

La comunicazione è vitale per la didattica, le relazioni con gli studenti durante l’apprendimento online ci ha costretti all’utilizzo di metodi di comunicazione alternativi. Le piattaforme di chat e le piattaforme di social media come i gruppi di Facebook, i gruppi di WhatsApp, ecc. si sono rivelate un meccanismo essenziale nella continua trasmissione di lezioni da parte degli educatori. Alla stessa maniera gli studenti si sentono anche a proprio agio nel porre domande o cercare ulteriori informazioni tramite questi canali di comunicazione. Un altro modo per comunicare con la tua classe è SlackMicrosoft Teams, Meet di Google. Queste ultime piattaforme possono essere utilizzate anche per condividere collegamenti, risorse e persino documenti.

 

7 – Presentazioni su lavagne interattive

Le lavagne interattive sono uno strumento indispensabile per la didattica. Una lavagna interattiva ti consente di utilizzare un display o un dispositivo tipo tablet o smartphone, e più persone possono partecipare utilizzando un touchscreen per prendere appunti, annotare contenuti e altro. Si può partecipare ad una presentazione fisicamente o online. Le presentazioni offrono flessibilità al tuo insegnamento, aggiungono coinvolgimento per lo studente, e rendono la lezione un’esperienza completamente interattiva. Molte risorse sono ora progettate pensando alle lavagne interattive online, una di queste è Presentazioni di Google. Per le presentazioni su Lim in aula è consigliabile OpenBoard:  un’applicazione di lavagna interattiva open source e multipiattaforma progettata principalmente per l’uso nelle scuole e nelle università. Può essere usata sia con lavagne interattive che con uno schermo, con o senza un’impostazione a doppio schermo, ed un proiettore.

8 – Creazione di aule moderne e adatte alla collaborazione

Non possiamo ignorare l’aumento delle lezioni digitali online, sia per necessità dovuta al distanziamento sociale che per preferenza.  Le piattaforme online come Zoom.us sono diventate una presenza indispensabile per le lezioni digitali. Molte di queste piattaforme hanno aggiunto funzioni come: comunicazione di video sicuri per aule ibride, orari, riunioni amministrative e molto altro, le impostazioni possono consentire agli insegnanti di disattivare l’audio e rimuovere lo studente se necessario. Ci sono numerose impostazioni di amministrazione, registrazione, lezioni con password, stanze separate per lavori di gruppo e altre opzioni che rendono le tue lezioni digitali non  come una semplice videoconferenza.

 

Tecnologia e istruzione devono inevitabilmente andare di pari passo in questi giorni. Indipendentemente dagli eventi storici che stiamo attraversando comunque la tecnologia sarebbe arrivata quanto prima tra i banchi di scuola. Se ti piace questo contenuto condividilo!

 


Barriere di protezione
Pannelli protettivi
in plexiglass da porre
su banchi e scrivanie.

Promo in corso


Piantane igienizzanti
Piantane con dispenser
per gel disinfettante
manuale o automatico


Adesivi per pavimento
Una linea per segnaletica
con istruzioni al
distanziamento sociale.
Da incollare su pavimento.


Segnaletica cambio informazione
Una linea di cartelli per
la gestione temporanea
di messaggi, indicazioni
e comunicazioni varie.


Totem e piantane informative
Grandi messaggi su strutture verticali.
Sistemi in alluminio e piantane
con cornici a scatto.

Ricevi aggiornamenti InBlog

More from our blog

See all posts
Nessun Commento

Leave a Comment