Come scegliere il colore giusto per il logo della tua attività

Scegliere il colore giusto per il logo della propria attività non è affatto banale. Questo perché i colori hanno, come vedremo fra poco, il potere di smuovere determinate emozioni e sensazioni che per forza di cose si riflettono sulla percezione della tua attività e del tuo brand.

La giusta combinazione dei colori del logo sarà quindi una delle leve per posizionare il tuo business nella mente dei tuoi futuri clienti. Non si tratta quindi semplicemente di scegliere colori che siano esteticamente piacevoli da vedere, ma di pensare a fattori come:

Associazioni indotte – Si tratta di associazioni che vengono fatte ai colori e che sono frutto del retaggio culturale. Esempi sono il bianco per la purezza della sposa o il nero come colore del lutto nel mondo occidentale e che sono percepiti in maniera diversa in altre parti del mondo e altre culture.

Associazioni innate – Alcune associazioni di colori sono invece innate nel processo evolutivo secondo degli studi scientifici. Per questo, per esempio, il colore rosso è legato al pericolo o alla passione, e il marrone a prodotti in decomposizione.

Come vedi il colore per il logo non è una scelta da prendere alla leggera e in questo articolo cercheremo di darti gli strumenti utili per decidere al meglio.

Decidi cosa vuoi trasmettere con il tuo brand
Teoria della psicologia dei colori e loro significato
Quanti colori dovrebbe avere un logo?
Come scegliere la palette di colori del tuo logo
Creare una paletta colore con HSB di Adobe Photoshop

Decidi cosa vuoi trasmettere con il tuo brand

Creare un logo di successo significa innanzitutto fare un’analisi di quello che vuoi trasmettere con il tuo brand e costruire quindi la tua brand identity.

Devi quindi individuare i tuoi valori e la tua USP (Unique Selling Proposition) e da lì partire per costruire la personalità aziendale in modo da differenziarti dai tuoi competitor.

Il colore per il logo della tua attività fa parte degli elementi fondamentali che costituiscono la brand identity. È per questo che abbiamo deciso di affrontare questo tema sul nostro blog, perché l’insegna, la targa o l’espositore della tua attività è il supporto su cui viene riportato il tuo logo e vogliamo darti gli strumenti per idearlo al meglio.

Teoria della psicologia dei colori e loro significato

Perché è importante la psicologia del colore nel progetto del tuo logo?

Perché questa disciplina studia come il colore influenza le decisioni delle persone e quindi la loro percezione rispetto a un logo, una insegna o la targa di una attività. È importante quindi per costruire una veste grafica coerente tra il tipo di attività e i colori scelti.

Certo si può cercare di essere innovativi per differenziarsi dai competitor, ma sempre facendo attenzione a non scegliere colori sbagliati per la propria attività. Uno studio ha fatto emergere che il 62-90% delle scelte dei consumatori sono basate sui colori. Quindi sì all’essere originali ma sempre con criterio.

Vediamo quindi adesso come vengono percepiti dal nostro cervello i colori e i sentimenti e le sensazioni che provocano e richiamano.

Logo di colore rosso

logo colore rosso

Si tratta del colore più stimolante e vitale in assoluto. Il rosso richiama emozioni forti come la passione, l’urgenza, la grinta. È il colore che attira di più l’attenzione e in presenza del rosso i consumatori sono portati a spendere di più e ad acquistare in maniera più impulsiva.

Dall’altro canto, il rosso è anche il colore del pericolo e dell’emergenza, un colore che stanca gli occhi e quindi va usato con moderazione.

Le attività e le aziende in cui predomina il colore rosso sono quelle dell’ambito alimentare, è quindi indicato per il logo di un ristorante o fast food. Nelle sue nuance più scure è perfetto per loghi e insegne di negozi di cosmetici e profumi perché richiama femminilità.

Non è un colore consigliato per attività finanziarie – richiama un conto in rosso – o per attività mediche – richiama il sangue.

Logo di colore arancione

Colore logo arancione

L’arancione è un colore dinamico e vivace, il connubio perfetto tra il rosso e il giallo. In quanto colore caldo è indicato per attirare l’attenzione e scatenare emozioni.

È il colore dell’estro e della creatività e quindi è indicato per essere utilizzato nei loghi di attività rivolte all’infanzia, come asili, abbigliamento e giochi per bambini, ma è anche un colore energetico che si presta bene a insegne di palestre e centri sportivi.

Logo di colore giallo

Logo colore giallo

Il giallo è un colore caldo ed è il più vivace nella ruota dei colori. Attira l’attenzione in maniera forte come il rosso ma non ha connotazioni negative.

È il colore preferito dei bambini quindi è adatto a progetti legati all’infanzia, come l’arancione, ma stimola anche l’appetito e quindi indicato per il settore food. Essendo un colore audace e vivace si presta anche ad essere utilizzato nel logo di attività giovanili – come locali, eventi o e-commerce di abbigliamento giovane – mentre non è indicato per quei settori che devono esprimere eleganza o professionalità.

Logo di colore viola

Logo colore viola

 

Il viola è il colore intermedio tra il rosso e il blu e quindi unisce in sé le loro caratteristiche. Trasmette creatività, lusso, spiritualità, eleganza ed è il colore preferito delle donne.

Per queste sue caratteristiche si presta ad essere utilizzato per il logo di attività inerenti alla moda, ai profumi e alla cosmetica e a tutti quei brand che vogliono ispirare rispetto. Viene infatti utilizzato anche nell’ambito informatico e tecnologico.

Logo di colore marrone

Logo colore marrone

Il colore marrone utilizzato nel logo è un colore caldo e confortante, che si lega a valori come la terra e la natura. È un colore adatto per attività che hanno a che fare con la terra e il cibo, quindi caffetterie e cioccolaterie.

Si presta per tutte quelle attività che vogliono trasmettere autorevolezza e solidità ma è più indicato per attività destinate al pubblico maschile.

Logo di colore verde

Logo colore verde

Il verde è il colore rilassante per eccellenza, ispira sensazioni piacevoli e rassicuranti. Per queste sue caratteristiche è il colore utilizzato per i loghi e le insegne di attività che hanno a che fare con il campo assicurativo, finanziario e legale. Essendo un colore associato alla speranza e alla salute, è utilizzato spesso nei loghi di attività umanitarie.

Nella sua versione più accesa e vivace è indicato per attività giovanili e dinamiche, mentre nelle tonalità scure esprime professionalità e solidità. Altro ambito in cui è particolarmente diffuso è quello del food biologico e vegetariano, attività medico-veterinarie o attività legate al benessere come centri yoga o di meditazione.

Logo di colore blu

Logo colore blue

Il colore blu è il colore del cielo e del mare, quindi le sensazioni che richiama sono quelle di calma, serenità, pace e benessere. È il colore “antagonista” del rosso. Per queste sue caratteristiche è ampiamente utilizzato per loghi di attività istituzionali e/o politiche o per ambiti come quello medico – per esempio logo di fisioterapisti o dentisti – oppure l’ambito finanziario o immobiliare.

Tutte le volte in cui lo scopo della tua attività è ispirare fiducia il blu è un colore da tenere in considerazione.

Nella sua versione più chiara (celeste o acquamarina) è perfetto per le insegne e i loghi di attività legate alla calma e alla disciplina come arti marziali, discipline olistiche e omeopatiche.

Logo di colore nero o bianco

Logo colore nero

Il colore nero, come il bianco che vedremo fra poco, è un non colore e tendenzialmente viene usato in combinazione con altri colori (per il testo o come sfondo). I sentimenti e le sensazioni che richiama sono eleganza, lusso e design ma anche emozioni negative come oscurità, lutto.

Per queste sue caratteristiche va utilizzato con attenzione, ma in linea di massima si presta bene come colore per il logo di attività legate all’architettura, al design e all’arte.

Logo di colore bianco

L’altro non colore è il bianco. Utilizzato come tonalità principale trasmette purezza, eleganza e un senso di distacco. Per questo viene utilizzato per loghi che devono trasmettere ordine e pulizia – pensiamo a uno studio medico o a un negozio di biancheria da letto – o un senso di essenzialità e minimalismo sofisticato.

Altro campo di associazione – per il mondo occidentale – è quello religioso e del matrimonio, per questo motivo il colore bianco predomina per il logo di attività legate al wedding.

Quanti colori dovrebbe avere un logo?

Ora che hai compreso il significato profondo che si cela dietro ogni colore, è il momento di scegliere quelli giusti per il logo della tua attività. Si tratta di una scelta importante perché saranno i colori che caratterizzeranno la targa della tua attività o l’insegna. Devono inoltre, come detto all’inizio, essere colori adatti al tuo tipo di attività e quindi giusti per attirare i clienti.

La regola principe per ogni logo è quello di mantenere il range di colori a massimo 3 tonalità diverse, se non meno. Questo perché è importante privilegiare la semplicità e la chiarezza, mentre troppi colori portano caos e mancanza di focus rispetto al messaggio che si vuole trasmettere.

Come scegliere la palette di colori del tuo logo

Per scegliere la combinazione giusta di colori per il tuo logo puoi affidarti alla ruota dei colori. La ruota dei colori contiene infatti sia le tonalità fredde sia quelle calde e giocando sulla relazione e il modo in cui interagiscono fra loro si possono creare design di loghi interessanti.

Colori complementari – Sono i colori che si trovano ai lati opposti della ruota, creano design di contrasto e di grande impatto.

Colori analoghi – Sono colori che si affiancano nella ruota dei colori. Vengono utilizzati per creare un senso di armonia ed equilibrio nel design del logo.

Colori triadici – Sono i colori che si individuano disegnando un triangolo equilatero nella ruota dei colori. Creano design di loghi dinamici ma consigliamo di sceglierne uno predominante e utilizzare gli altri due come accenti.

Creare una paletta colore con HSB di Adobe Photoshop

Il modello HSB è basato sulla percezione umana del colore e descrive tre caratteristiche principali del colore:

  • H Tonalità: colore riflesso o trasmesso da un oggetto. Viene calcolata come posizione sulla ruota dei colori standard ed è espressa in gradi, da 0 a 360. In generale, la tonalità è identificata dal nome del colore, come rosso, arancione o verde.
  • S Saturazione: intensità o purezza del colore. La saturazione, definita anche croma, rappresenta la quantità di grigio rispetto alla tonalità ed è calcolata come percentuale, da 0 (grigio) a 100 (colore completamente saturo). Sulla ruota dei colori standard, la saturazione aumenta dal centro verso il bordo.
  • Luminosità: chiarezza o scurezza relativa del colore, generalmente calcolata come percentuale, da 0 (nero) a 100 (bianco).In Photoshop Elements potete usare il metodo HSB per definire un colore nella finestra di dialogo Selettore colore, ma non per creare e modificare le immagini.

In questo breve video puoi vedere come spostando leggermente questi 3 valori potrai dare origine ad una paletta colore originale.

 

 

 

Inventiva Blog

Il luogo di incontri fra tecnologia e artigianato. Sei un grafico, un designer, un progettista, qui trovi risorse basate su esperienze vissute giornalmente con persone vere che come te amano condividere passione per la  comunicazione visiva. 

Promo in corso


Sconto 30%
Sulle targhe in plexiglass
singola lastra


Da € 3,12
Targhette porta incise. Su abs finitura acciaio o oro spazzolato.
Disponibile anche alluminio o ottone.


Da € 290
Insegne luminose
per la tua nuova attività.


Espositori
Per il tuo progetto
di grafica in-store

Iscriviti a InBlog

More from our blog

See all posts
Nessun Commento

Leave a Comment